Mantenere i nomi originali di tabelle e colonne durante la generazione del codice di Entity Framework Core

di , in LINQ, Entity Framework,

Per generare il DbContext e le classi di mapping verso il database, Entity Framework Core mette a disposizione il commando Scaffold-DbContext da lanciare nella finestra "Package Manager Console". Quando usiamo questo comando, Entity Framework genera (per default) una classe per ogni tabella nel database creando nella classe una proprietà per ogni colonna nella tabella. Per creare i nomi di classi e colonne, Entity Framework Core utilizza internamente delle convenzioni che non sono modificabili.
Non mantenere i nomi originali può non essere un problema in alcuni casi, ma in altri può esserlo. Utilizzando dell API interne, possiamo istruire Entity Framework Core per non alterare i nomi di tabelle e colonne. Per fare questo dobbiamo innanzitutto creare le seguenti due classi nell'assmbly in cui vogliamo enerare il codice.

public class ScaffoldingDesignTimeServices : IDesignTimeServices
{
  public void ConfigureDesignTimeServices(IServiceCollection services)
  {
    services.AddTransient<ICandidateNamingService, ScaffoldingCandidateNamingService>();
  }
}

public class ScaffoldingCandidateNamingService : CandidateNamingService
{
  public override string GenerateCandidateIdentifier(string original)
  {
    return original;
  }
}

La classe ScaffoldingDesignTimeServices configura nel motore di DI di .NET Core la classe ScaffoldingCandidateNamingService come responsabile della creazione del nome di classi e proprietà. Questa classe riceve in input il nome originale di tabelle e colonne dal database e ritorna il valore senza modificarlo.

Il secondo step consiste nell'impostare il progetto come progetto di startup in Visual Studio 2017.
Il terzo e ultimo step consiste nell'invocare il commando Scaffold-DbContext.

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Mantenere i nomi originali di tabelle e colonne durante la generazione del codice di Entity Framework Core (#449) 1010 1
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti

I più letti di oggi